Visions of Joy - Natural Eyesight Improvement - Vision Education
The Joy of Seeing with Natural Clarity!
Improve your vision and overcome the need for glasses or contacts while avoiding laser surgery
Home
Bates Method
Why learn to see?
See Better
Solutions
Children's Vision
Read without Glasses
Testimonials
Your Questions
Laser Surgery
Newsletter
Articles
Interviews
  AND MORE! ...
Classes
Current Schedule
Private Lessons
E-mail Course
Video Course
Group Classes
Special Events
  AND MORE!...

Store
Bates Method eBooks
Eyesight Books
Vision Aids
Free Eye-chart

Donate / Pay
  AND MORE! ...

About
About Dr. W.H. Bates
About Esther
About Visions of Joy
Links
  AND MORE! ...

Contact (California, USA)

Newsletter
Sign up

  NL paginas
 In Italiano


Visions of Joy on:

Bates Method page:


La gioia di vederci chiaramente in modo naturale!
Migliora la tua vista e supera il bisogno di occhiali a lenti a contatto evitando la chirurgia laser

Grazie al fantastico lavoro di traduzione da parte di Giovannella Pattavina,
qualche sezione di questo sito è disponibile in italiano.
Esther insegnerà in Italia in Ottobre 2017.
Siccome non parla ancora italiano il suo corso verrà tradotto.
Vi auguriamo una buona lettura di Visions of Joy, Dr. Bates, e Esther!
Con amore,
Gio e Esther

Visions of Joy

Lo scopo di Visions of Joy è accrescere la consapevolezza pubblica
sulla alternativa ad occhiali, lenti a contatto o chirurgia laser,
ed offrire soluzioni efficaci naturali alle sfide della vista.

Visions of Joy è condotto da Esther Joy van der Werf.
Esther è un certified Natural Vision Educator (NVE).

Visions of Joy rappresenta una visione gioiosa del mondo dove le persone vedono nitidamente e senza più occhiali, perché possono facilmente e velocemente invertire qualsiasi visione offuscata non appena essa inizia a comparire.

Il momento ottimale per invertire i problemi di visione è non appena la vista diventa offuscata, perché è lì che l’offuscamento scompare velocemente e rapidamente. Se in quel momento riconoscete la causa, imparate la lezione e la integrate, rilasciate la tensione e difficoltà ( qui è scritto dis-ease che letteralmente è malattia, ma ease è facilità e dis indica il contrario della facilità , nota del traduttore), e vi ricordate delle abitudini di visione naturale, potete allora felicemente continuare la vostra intera vita con la vista chiara e nitida.

Se avete visione offuscata da molti anni, ed avete usato gli occhiali o le lenti a contatto per compensarla, potete scoprire che il ritorno alla chiarezza richiederà qualche tempo, ma non ci vorrà così tanto tempo come quello che ci è voluto per arrivare a tale grado di visione sfocata.

La visione sfocata non è una condanna a vita, né è un segno che c’è qualcosa di fondamentalmente sbagliato nei vostri occhi. L’offuscamento è puramente un segnale per TE che dice che stai sforzando i tuoi occhi e che è tempo di fare un sottile ma significativo cambiamento.

L’approccio naturale per migliorare la vista non ha effetti collaterali negativi (semmai ha molti benefici!) ed è la soluzione più economica. Inoltre dà i migliori risultati (vedi testimonials), e richiede solo un po’ di comprensione, assieme a pazienza e persistenza.

Questo sito vi indicherà una nuova direzione, se il vostro problema è miopia, ipermetropia, presbiopia, astigmatismo, strabismo, ambliopia, o altre sfide della vista.

Permettete a Visions of Joy di aiutarvi a scoprire come si può migliorare la propria vista. Potrete scoprire che la visione nitida naturale è possibile anche per voi!

Leggete attentamente il sito Vision of Joy con comodo. Troverete un sacco di informazioni sul Metodo Bates circa il modo di migliorare la visione, come pure una preziosa guida sullo sviluppo del respiro naturale.

Godetevi il viaggio verso la chiarezza,
con amore,
Esther

Dr. W.H. Bates

Dr W H BatesWilliam Horatio Bates,
1860-1931

Storia raccolta da varie fonti

Un chirurgo oculista di successo

Nel 1885 William Horatio Bates si laureò in Medicina presso il College of Physicians and Surgeons al Columbia University di New York. Fu un chirurgo oculista di successo e ben rispettato a New York, dove fu docente di oftalmologia presso il New York Postgraduate Medical School dal 1886 al 1891.

Insoddisfatto
Ben presto egli divenne sempre più insoddisfatto della pratica oftalmologica convenzionale, e cominciò la sua ricerca sui disordini della vista; osservò quei pazienti con errori di rifrazione
(miopia, ipermetropia) che sembravano migliorare spontaneamente, talvolta al punto di una completa risoluzione dei sintomi.

Questo lo condusse ad interrogarsi su uno dei presupposti di base della accettata pratica di oftalmologia, e cioè che non si poteva fare nient’altro che prescrivere occhiali quando si trovavano sintomi di errore di rifrazione nei pazienti.

Il dottor Bates non fu soddisfatto di quella teoria prevalente della accomodazione (cioè “come” gli occhi mettono a fuoco): tale teoria, ancor oggi in uso, afferma che la curvatura del cristallino è la sola parte responsabile dell’accomodazione, ed una sua rigidità è causa di vista imperfetta.
Per anni sentì che c’era qualcosa di sbagliato nella procedura del prescrivere occhiali a pazienti che andavano da lui per i loro occhi. “Perché”, si chiedeva, “se gli occhiali sono corretti, devono essere continuamente rinforzati a causa del fatto che gli occhi, sotto la loro influenza, si indeboliscono? Secondo logica, se una medicina è buona, la dose dovrebbe essere ridotta via via che il paziente diventa più forte.”

Così lasciò il suo lavoro redditizio e andò in un laboratorio al Columbia University per studiare gli occhi come mai prima era stato fatto; si mise a studiare senza pregiudizi, mettendo da parte quello che era scritto nei testi di formazione medica: studiò gli occhi degli animali e visitò migliaia di occhi. Non si limitò mai al tipico esame oculare in studio, ma portò il suo retinoscopio con lui, ispezionando lo stato refrattivo degli occhi di persone ed animali in molte diverse situazioni. Studiò gli occhi delle persone quando erano tristi, quando erano felici, quando erano arrabbiate e quando avevano paura. Molto del suo tempo lo spese con i bambini, per cercare di scoprire la causa dei disordini oculari. Le ricerche fatte con il retinoscopio indicavano che lo stato refrattivo degli occhi non è una condizione statica, così come riportato nei testi ufficiali, ma varia incredibilmente con il nostro stato emotivo.

Bates curò la propria presbiopia, con il cristallino duro come una pietra
Nel suo libro Perfect Sight Without Glasses del 1920 il dootor Bates scrive circa il suo personale miglioramento dalla presbiopia. Gli era stato detto da vari oculisti che la sua lente era “dura come una pietra” e che nessuno avrebbe potuto fare nulla per lui. Ma studiando il suo caso intensivamente, e trovando un modo per non sforzare gli occhi quando voleva leggere, guadagnò un range accomodativo di 14 inches (circa 28 cm). Questo significa che riguadagnò la capacità di mettere a fuoco oggetti fra i 4 e i 18 inches (8- 36 cm) dai suoi occhi, cosicchè egli non soffrì più dell’offuscamento da presbiopia.

Il Metodo Bates
Egli pubblicò un resoconto di una piccola ragazza che aveva sviluppato una temporanea miopia mentre gli stava dicendo una bugia. Il fatto gli sembrò molto significativo perché coerente con tutti gli altri segni di miopia, e cioè che le persone tendono a diventare miopiche quando diventano apprensive.
Il dottor Bates scoprì che l’occhio non è mai costantemente lo stesso, che l’errore refrattivo cambia in ogni momento: lo sforzo e la tensione mentale lo aumentano, e il rilassamento lo diminuisce. Così cominciò a formulare una nuova serie di teorie che sviluppò in quello che più tardi fu conosciuto come il Metodo Bates, per aiutare le persone a migliorare la vista.
Secondo il dottor Bates la vista degli occhi debole è causata principalmente da tre cose:
1. Stress o tensione mentale, 2. Cattive abitudini visive, e 3. Uso degli occhiali.

Espulso
Gli oculisti del New York Postgraduate Medical School and Hospital facevano indossare gli occhiali ai dottori affetti da miopia e il dottor Bates glieli faceva togliere e li curava dalla miopia. Il dottor Roosa, il capo della istituzione, non accettò quello che il dottor Bates stava facendo e lo espulse dall’istituzione stessa nel 1891.

Prevenire la miopia
Nel 1896 si dimise dall’attività ambulatoriale ospedaliera e cominciò ad impegnarsi nel lavoro sperimentale. Nel 1902 lasciò New York ed iniziò a realizzare con successo i suoi metodi per la prevenzione della miopia presso le scuole pubbliche di Grand Forks, North Dakota.
Nel 1910 ritornò a New York e lavorò come medico curante presso Harlem Hospital di New York City. Ben presto cominciò ad usare i suoi metodi per la prevenzione in alcune scuole pubbliche di New York City. Presso l’ospedale di Harlem cominciò a lavorare con Emily Lierman, che aveva migliorato la propria vista usando i suoi metodi (si sposarono nel 1928). Essi tennero aperte delle ‘Giornate di Clinica’ gratuite parecchie volte a settimana, e di solito avevano lunghe code di gente che aspettava per essere aiutata.

Pubblicazioni
Tra il 1886 e il 1923 Bates pubblicò 30 articoli medici, la maggior parte dei quali è apparsa nel New York Medical Journal. Circa la metà di questi articoli successivamente formò un piccolo libro senza data intitolato Reprints.

Nel 1891 il dottor Bates pubblicò il suo primo articolo sulla eliminazione della miopia. Mentre conduceva i suoi esperimenti, egli sviluppò un metodo di fotografia dell’occhio per svelare i cambiamenti della curvatura in superficie mentre l’occhio compieva l’accomodazione. Questo lavoro è discusso in “A study of Images Reflected from the Cornea, Iris, Lens, and Sclera” (NY Medical Journal, May18, 1918). La sua ricerca sulla influenza della memoria sulle funzioni della visione è descritto in “Memory as an Aid to Vision” (NY Medical Journal, May 24,1919).

Nel 1919 cominciò a pubblicare ogni mese la rivista Better Eyesight per 11 anni.

Nel 1920 pubblicò il suo libro Perfect Sight Without Glasses, anche chiamato The Cure of Imperfect Sight by Treatment Without Glasses.

Attività privata
Nel 1923 la Clinica all’ospedale di Harlem fu interrotta in quanto Bates lasciò l’ospedale e cominciò a tenere le sue giornate di Clinica presso la sua attività privata ogni sabato. Continuò a trattare i pazienti costantemente per quasi tutte le forme di vista imperfetta e lavorava 10 ore al giorno, 7 giorni su 7.

Dopo la sua morte
Il dottor Bates morì il 10 luglio 1931. all’età di 70 anni. Morì nella sua casa a New York durante una epidemia di poliomielite. Nel 1940 sula moglie Emily ripubblicò il libro del marito ed aggiunse alla fine un utile capitolo con suggerimenti su come usare il metodo Bates. Dopo problemi legali di altri insegnanti, come il caso di Margaret Corbett presso la Corte nel 1940/1941, Emily pubblicò una versione riveduta del libro nel 1943 con il titolo Better Eyesight Without Glasses. Questa versione ometteva molto del testo originale cosa che rendeva più difficile per il lettore capire che cosa il dottor Bates intendeva trasmettere. Senza facile accesso alle riviste Better Eyesight che spiegano il metodo in gran dettaglio, il metodo Bates divenne frainteso da molte persone, oggi è spesso associato ad esercizi per gli occhi. Questo non era quello che il dottor Bates insegnava. Egli raccomandava non esercizi per gli occhi, ma l’uso di abitudini di visione naturale rilassata tutto il giorno.

Oggi ci sono insegnanti professionali in tutto il mondo che si sono formati al Metodo Bates. Vedi NaturalVision Educators per una lista di insegnanti del metodo Bates.

Per informazioni approfondite sul dottor Bates e sul suo Metodo consiglio di leggere il suo libro originale del 1920 (disponibile qui in inglese, o le prime edizioni in vendita qui) ed il suo Better Eyesight

Imparare il Metodo Bates
Se volete superare la vostra visione offuscata, potete dare uno sguardo alle classi di lezione offerte da Visions of Joy

Esther

Storia personale della vista di Esther
Esther Joy van der Werf La mia vista era perfetta quando ero una bambina; ma cambiò all'età di 17 anni quando ero in facoltà di Economia nei Paesi Bassi, dove sono cresciuta. Quando i miei genitori notarono che strizzavo gli occhi in modo eccessivo mentre cercavo di leggere i sottotitoli in tv, dovetti far controllare i miei occhi da un optometrista, che subito prescrisse un paio di occhiali per miopia. Ho sperato che questi occhiali mi facessero sembrare più intelligente....ma niente da fare... 

Non mi piaceva particolarmente indossare gli occhiali. Mi facevano sentire come se non facessi più parte dell'intero quadro, mi davano invece l'impressione di essere una pura osservatrice del mondo attorno a me. Gli occhiali sembravano essere in realtà più di ostacolo che di aiuto. Allora li persi astutamente, con costernazione da parte dei miei genitori. Verso i vent'anni provai degli esercizi per gli occhi tratti da un libro sul Metodo Bates. Ahimè, non avevo abbastanza disciplina per continuare a fare gli esercizi così a lungo, e non notai alcun miglioramento. Così mi abituai all'offuscamento e mi feci bastare questa acutezza visiva leggermente deteriorata per sedici anni.

Esther Joy van der Werf 

Imparare sulla salute
La mia prima conoscenza della salute olistica arrivò nel 1991 quando lessi il libro Fit For Life scritto da Harvey e Marylin Diamond. Quella lettura mi portò ad imparare di più sulla scienza della salute, specialmente sugli effetti della dieta sulla salute. Studiare la salute fu una proverbiale esperienza di 'apertura di occhi' per me, e provocò un maggiore cambiamento di direzione nella mia vita. Nel 1998 decisi di lasciare il mio lavoro ben pagato alla NATO in Germania e cominciai a viaggiare, alla ricerca di qualcosa di più sano da fare.

Nel 1999 partecipai ad un expo sulla salute a San Francisco, dove incontrai Tom Quackenbush, autore di Relearning to See. Ero molto scettica sul fatto di poter migliorare la vista in modo naturale, a causa del mio precedente tentativo fallito con gli esercizi oculari, ma Tom mi disse che il Metodo Bates non consisteva affatto in esercizi per gli occhi. Il suo libro mi incuriosì e mi chiesi se leggendolo avrei potuto forse far sì che la mia vista non peggiorasse. “Se potessi restare al mio livello di leggero offuscamento di 20/50”, ragionavo, “potrei evitare di aver bisogno degli occhiali per tutto il resto della mia vita”. Così feci un investimento sul libro di Tom, e lo buttai nel retro del mio furgone dove rimase con il resto dei miei effetti personali che mi accompagnavano nel mio viaggio nomade.

La mia vista migliora
Accadde parecchi mesi dopo, ..., quando finalmente ebbi tempo di leggere il libro di Tom. Vivevo in Costa Rica in quel tempo, un posto conosciuto per la sua bellezza naturale.
Con mio grande stupore e piacere questa bellezza naturale accresceva mentre la mia vista migliorava grazie ai suggerimenti delineati in Relearning to See che seguivo. I fiori abbondanti divennero ancora più pieni di colore rispetto a prima, e la mia visione vista migliorò fino a 20/20. Questo accadde in due settimane. Questo metodo sembrava funzionare! E non aveva richiesto nessun esercizio oculare! Uau! Non solo potevo mantenere la mia acutezza visiva, ma potevo in verità migliorarla! Ero elettrizzata con la mia visione rinnovata.

Il mio primo studente
Questi risultati veloci mi portarono a chiedere al mio amico Ted di unirsi a me in un esperimento della vista.
Ted era molto più miope di me; usava molto gli occhiali per vedere lontano. Lo sfidai ad andare senza occhiali per un periodo di prova di una settimana. Accettò esitando, ed io gli nascosi gli occhiali per essere sicura che lui non avrebbe imbrogliato.

Controllammo la sua acutezza visiva corrente con una tabella di controllo. Rimasi stupita perché non riusciva nemmeno a leggere la grande lettera in cima ad una distanza di 6 metri. Così la sua visione era peggio di 20/200 (o di 6/60 in metri). Senza farci scoraggiare, scorremmo il libro insieme, ne discutemmo i contenuti, e cominciammo ad applicare ogni giorno le nuove abitudini visive naturali apprese. Eravamo entrambi stupiti dei miglioramento che egli faceva. Quattro settimane dopo avermi consegnato i suoi occhiali, egli ancora non li stava usando, non ne sentiva neppure la mancanza, poté leggere le prime quattro righe della tabella, e cominciò ad essere capace di leggere la quinta riga (20/50 di acutezza visiva). Nel mio entusiasmo mandai una mail di ringraziamento a Tom, esprimendo nello stesso tempi il mio interesse a voler imparare di più sul miglioramento naturale della vista. Pochi mesi più tardi ero iscritta nel corso di formazione per insegnanti di Tom.

Progressi personali successivi
Durante il corso di formazione per insegnanti (estate 2000) scoprii che il mio occhio sinistro era ambliopico, cioè favorivo il mio occhio destro per vedere. Il mio cervello fondamentalmente ignorava l'immagine che entrava attraverso l'occhio sinistro. Così dovetti 'disimparare' a fare, e i muscoli attorno ai miei occhi erano a volte dolenti mentre lentamente rilasciavano la tensione che avevo tenuto lì così a lungo

Alla fine del corso di Tom la mia acutezza visiva era progredita a 20/15, meglio della media, ed il mio approccio mentale alla vista divenne molto più rilassato. Pochi anni dopo, nell'estate del 2003, il mio occhio sinistro in qualche modo 'si svegliò'e fui ad un tratto capace di vedere la profondità. Capii che non avevo mai visto prima gli 'spazi' fra le cose poste a differenti distanze nel modo in cui la maggior parte delle persone li vede. Questa stupenda nuova visione a 3D fu enormemente elettrizzante per me!

Mentre insegnavo in un corso per la vista nell'ottobre 2005, controllai la mia acutezza per lontano e fui molto felice di leggere la riga 20/10. Un altro controllo in gennaio 2006 confermò che la mia vista si manteneva costante a 20/10. Sono felice con la mia vista attuale, e non vedo l'ora di migliorarla ulteriormente.

Scopro la mia missione
Come parte della formazione per diventare insegnante trovai alcuni altri amici che volentieri mi lasciarono praticare come su di loro. I loro miglioramenti si aggiunsero al mio entusiasmo per questo lavoro e compresi di avere trovato lo scopo della mia vita.
Ho insegnato a migliorare naturalmente la vista sin dalla mia certificazione, e traggo massimo piacere dalla mia nuova missione.

Nel 2003 e nel 2004 intrapresi una successiva formazione per migliorare naturalmente la vista con il dottor Marc Grossman, OD, un optometrista comportamentale a New Paltz, NY.

Nella primavera del 2007 ho avuto il privilegio di lavorare due settimane con il dottor Neal Apple, MD, un oftalmologo in Silver City, New Mexico. Seguendo il dottor Apple nel suo lavoro quotidiano con i pazienti mi permise di approfondire l'occhio, cosa che ho molto apprezzato.

Sebbene io ancora non sappia tutto quello che c'è da sapere sulla visione naturale, credo fermamente che quello che so va condiviso con il mondo. Il messaggio che la vista può essere migliorata in modo naturale dovrebbe raggiungere tutte quelle persone che sono stufe degli occhiali e desiderano poter vedere meglio senza essi, ma non sanno ancora che esiste questa possibilità scevra da rischio.

Ho presentato un workshop alla conferenza internazionale di visione olistica (IHVC) in Spa, Belgio, nel 2009 e ne ho presieduto il discorso di chiusura. Da lì ho ricevuto un invito a fare una lectio magistrale presso la British natural Eyesight (BNEC) a Londra nel 2010, con un workshop sull'astigmatismo. Nel 2011 ho presentato un workshop sulla presbiopia alla IHVC a Milano, e nel 2012 ho fatto una lectio alla British Natural Eyesight Conference, Londra, con un workshop. Nel 2013 ho insegnato al IHVC in Italia, sarò al BNEC nel 2014, e al IHVC a Madrid, Spagna nel 2015. Guardate il mio travel plans e schedule per ulteriori eventi.

Ho insegnato nei Paesi Bassi, Italia, ed in molti posti negli Stati Uniti. Mi piace insegnare sia in lezioni private individuali sia in lezioni di gruppo composte da 50 o più persone. Molte persone fanno esperienza di visione più nitida già dalla prima ora di pratica con me.

Il respiro aggiunto alla vista
I nostri occhi hanno bisogno di ossigeno per funzionare meglio ed imparare a respirare in modo profondo e rilassato è un gran vantaggio per la vista e per la vita in generale. Nel 2004 ho sperimentato maggiori miglioramenti nel mio respiro dopo aver lavorato con Mike White. Dopo il mio training con lui, ho ampliato i miei corsi aggiungendo le sue efficacissime tecniche di Optimal Breathing Development©.

Visions of Joy
Mi stupisce constatare quante poche persone sono consapevoli della opzione di poter migliorare naturalmente la propria vista. La maggior parte di noi sa che quando la vista deteriora, possiamo scegliere tra occhiali (più forti), oppure diventare cavie per l'industria attualmente popolare della chirurgia del laser. La mia missione è aumentare la consapevolezza pubblica della possibilità naturale. Questo è il significato di 'visions of joy'. Ho grande passione per questo lavoro - attraverso questo sito e offrendo una varietà di corsi ho lo scopo di aiutarvi a buttare via le lenti!

Vi incoraggio ad usare questo sito web come una risorsa, e guardate anche la lista di altri siti di educatori. Gli educatori della vista elencati hanno tutti obiettivi simili di educare le persone a migliorare naturalmente la vista, e molti di noi hanno sviluppato dei modi leggermente differenti per raggiungere questo obiettivo. Sentitevi liberi di provare i vari approcci e di trovare quello che si adatta ai vostri bisogni.
Esther Joy van der Werf - Photo taken by Jesse Fleming, Gray Light Studio, LA

Considerate tutto e tenete il meglio.
Godetevi la vostra via verso la chiarezza!

                  Con amore,
       Esther Joy van der Werf

Read articles by Esther
Listen to interviews with Esther

 


Certificazione
Sono Natural Vision Educator certificata da Natural Vision Center (NVC) nell'agosto del 2000 a San Francisco, California. Sono un membro del consiglio della Associazione di Educatori visivi negli Stati Uniti.
Sono inoltre uno Specialista del Optimal Breathing Development, formata con Michael Grant White nel 2004.
Nel 2006 mi sono formata con Dennis Lewis, autore di Free Your Breath, Free Your Life e The Tao of Natural Breathing, e sono certificata per poter insegnare le sue tecniche di Authentic Breathing™.

Sono un insegnante, non un dottore
Specifico che sono semplicemente un'insegnante - non sono un oftalmologo, né un optometrista, né un medico, quindi non faccio diagnosi né prescrizioni, ma amo insegnare. Io non faccio diagnosi né tratto malattie degli occhi o dei polmoni, né prescrivo lenti correttive. Quando parlo di quello che farei se avessi specifici problemi di vista o di respiro, è per voi se decidere o meno di provare qualcosa di simile per il beneficio dei vostri occhi o polmoni. A tal riguardo, vi prego di leggere il disclaimer.

(Torna a inizio pagina)

 

    This will take you to the Site Map
   to Site Map

visions of joy banner